Spedizione gratuita da 19,90€

Caldane: come prevenirle

Che cosa sono le caldane e quali sono le principali cause?

Le caldane sono le vampate di calore che caratterizzano la fase della perimenopausa, cioè il periodo appena precedente a quello della menopausa vera e propria. Una volta che una donna ha raggiunto la menopausa, può continuare ad avere vampate di calore da sei mesi a cinque anni e, in alcune donne, possono persistere per 10 anni o anche di più.

Non è esattamente chiaro cosa causi le vampate di calore, e diversi studi stanno cercando di capirle meglio. Ci sono chiare prove che le vampate di calore derivano da cambiamenti ormonali nel corpo. È in fase di studio anche la loro connessione con altri problemi di salute, come il diabete. Si pensa poi che l'obesità e la sindrome metabolica aumentino l'incidenza delle vampate di calore.

I fattori scatenanti delle caldane possono variare da donna a donna, ma tra i più diffusi si trovano:

  • Bere alcolici;
  • Consumare prodotti con caffeina;
  • Mangiare cibi piccanti;
  • Essere in una stanza calda;
  • Sentirsi stressata o ansiosa;
  • Indossare abiti stretti;
  • Fumare o essere esposti al fumo di sigaretta.

Quali sono i sintomi delle caldane?

Alcune donne notano appena le vampate di calore o le considerano un fastidio minore. Per altre, la loro intensità può influenzare la qualità della vita in modo piuttosto negativo. Generalmente si manifestano con uno o più dei seguenti sintomi:

  • Brividi e sudorazione;
  • Palpitazioni;
  • Vertigini;
  • Ansia;
  • Mal di testa.

Disclaimer: L’elenco potrebbe non essere esaustivo e serve a dare una panoramica di alcune condizioni che possono associarsi alle caldane.

Come si possono prevenire le caldane?

Si può ridurre la frequenza delle vampate di calore se si conoscono i fattori scatenanti, così da evitarli. Anche se ciò non previene completamente le caldane, i sintomi si manifesteranno meno spesso. Non ci sono trattamenti che garantiscono la prevenzione completa delle caldane, ma ci sono rimedi che possono essere d’aiuto.

Anche se gli studi medici non hanno confermato la loro efficacia nel prevenire le caldane, alcune donne trovano che alcuni prodotti a base di erbe siano utili. Questi includono:

  • Cimicifuga: da non assumere se si soffre di disturbi al fegato.
  • Trifoglio rosso: potrebbe però aumentare la possibilità di sanguinamento.
  • Angelica cinese: può interagire con alcuni anticoagulanti.
  • Olio di enotera: questo olio essenziale può influenzare l’assunzione di fluidificanti del sangue e di alcuni farmaci psichiatrici.
  • Soia: l’integratore può causare lievi mal di stomaco, costipazione e diarrea.
  • Fitoestrogeni: sostanze simili agli estrogeni, ma di origine vegetale.
  • Terapia ormonale sostitutiva: assumendo integratori di estrogeni si riduce l’impatto delle caldane.
Categoria:Cura e prevenzione